Archive pour la catégorie 'Liturgia Ambrosiana'

L’incantato «Sappiate che Dio è con noi, sappiatelo e stupite!».

http://www.suffragio.it/prediche/Natale/3Follia.htm

L’incantato

‘«Sappiate che Dio è con noi, sappiatelo e stupite!».

(Liturgia ambrosiana delle ore)

Negli antichi presepi, in mezzo a tante statuine, ce n’era una molto originale e molto significativa. Era un personaggio con una mano accostata alla fronte per poter guardare meglio, per poter guardare più lontano. È chiamata la statuina dell’incantato.
Simbolo di chi desidera fermarsi a guardare, di chi sa vedere oltre gli occhi della semplice ragione, di chi sa aprirsi alla meraviglia e lascia la parola al cuore. Per questo l’incantato è divenuto simbolo del credente.
Punto esclamativo
«Alekos credeva in Dio. Una volta io gli dissi: « Dio è un punto interrogativo », e lui mi rispose: « No, un punto esclamativo ». E quando morì pronunciò queste parole: « Theòs, Theòs mu ». Dio, Dio mio, che in greco suonano così forti, solenni».
(dialogo tra Oriana Fallaci e Alekos Panagulis)
Così fa dire ad uno dei protagonisti di una sua opera teatrale Jean Paul Sartre:
Un Dio, trasformarsi in un uomo! Che favola degna di una balial lo non vedo che cosa potrebbe interessarlo della nostra condizione umana. Gli dei abitano in cielo, tutti occupati a godere di se stessi. E se capitasse loro di discendere in mezzo a noi, ciò avverrebbe sotto qualche forma brillante e fugace, come una nube di porpora o un lampo. Un Dio si cambierebbe in uomo? L’Onnipotente, in seno alla sua gloria, contemplerebbe questi pidocchi che brulicano sulla vecchia crosta della terra sporcandolo con i loro escrementi, e direbbe: voglio essere uno di quel vermi là? Lasciatemi ridere. Un Dio che si induce a nascere, a restare nove mesi come una fragola di sangue!?

 » … lo stesso protagonista più avanti dirà:
Se un Dio si fosse fatto uomo per me io l’amerei con l’esclusione di tutti gli altri, ci sarebbe come un legame di sangue tra lui e me e la mia vita non sarebbe troppo lunga per dimostrargli la mia riconoscenza. Ma quale Dio sarebbe così folle per questo? … Un Dio-Uomo, un Dio fatto della nostra carne umiliata, un Dio che accetterebbe di conoscere questo gusto di sale che c’è al fondo delle nostre bocche quando il mondo intero ci abbandona, un Dio che accetterebbe anticipatamente di soffrire quello che io soffro oggi … Via, è una follia.
(Bariona, ou le Fils du tonnerre – 1940)

Forse è una follia, forse saremo dei folli … ma è proprio questo che i cristiani credono e che si ridicono ad ogni nuovo Natale: Dio si è fatto uomo per me, per ogni uomo. Si è fatto bambino.
E’ ancora Sartre, nella stessa opera, che attribuisce a Maria questo pensiero:
Questo Dio è mio figlio. Questa carne divina è la mia carne. Egli è fatto di me, ha i miei occhi e questa forma della sua bocca è la forma della mia. Egli mi rassomiglia. E’ Dio e mi rassomiglia.
E’ un Dio che può prendere tra le braccia e coprire di baci …
E’ un Dio che si « nasconde » in un bambino, un Dio che si rivela e insieme si vela in un bambino … per lasciare spazio alla libertà, alla fede.
In tutto questo sta la fatica e la gioia dei credere, perché come dice splendidamente il teologo e poeta Bruno Forte:
Il credente non è che un povero « ateo » che ogni giomo si sforza di cominciare a credere. Se il credente non fosse tale, la sua fede non sarebbe che un dato sociologico, una rassìcurazione mondana … La fede è un continuo convertirsi a Dio, un continuo consegnargli il cuore, cominciando ogni giomo, in modo nuovo, a vivere la fatica di credere, di sperare, di amare e proprio per questo ad esistere per gli altri.
… Chi pensa di aver fede senza lottare, non crede più in nulla. … Se Dio per te non è un fuoco divorante, se l’incontro con Lui è per te soltanto tranquilla ripetizione di gesti sempre uguali e senza passione d’amore, il tuo Dio non è più il Dio vivente.
… Credere è « cor-dare », un dare il cuore …
(Bruno Forte – Confessio theologi)
E’ questo che vi auguro in questo Natale: lasciatevi « prendere il cuore » da questo Bambino, lasciate che vi parli, sentitevi presi per mano, illuminati, rafforzati, consolati, perdonati, fatti nuovi da questo Bambino…
Sentite dette per voi queste parole: « Non temete » … pare che nella Bibbia questa espressione sia presente 365 volte … una per ogni giorno dell’anno… E inginocchiatevi davanti a questo Bambino perché soltanto quando un uomo si inginocchia è Natale …
Come ci richiama quello splendido dipinto di Giorgione, dono natalizio alle famiglie della parrocchia: il cappello posato per terra, le mani giunte, inginocchiato davanti al Bambino, un pastore è in silenziosa adorazione.
Un’icona che ho commentato con le parole di don Primo Mazzolari:

Mi inginocchio e mi basta.
Se mi inginocchio davanti al bambino,
l’anima si placa nel perdono
e subito mi ritrovo fratello di ognuno.
Se mi inginocchio l’ideale mi si accosta e l’amore,
come vento d’aprile,
m’accarezza il cuore bruciato.
Se mi inginocchio … mi offro.

Inginocchiamoci credenti, adoranti, grati, stupiti, amanti.
Credenti e adoranti, capaci di dire: « mi fido, ci credo ».
Stupiti per avere un Dio così, che si fa bambino.
Grati perché ci sappiamo straamati e perdonati, mai disperatamente abbandonati.
Amanti perché stregati dall’amore  »folle » di Dio, un amore che ci inquieta, che ci toglie la pace se non amiamo, se non perdoniamo.
In ginocchio ci capiterà di « commuoverci » … e sarà un Natale cristiano perché chi si commuove è salvo. E l’amore di Dio accarezzi anche chi ha il « cuore bruciato » da una delusione, da una sconfitta, da un dolore, da una morte …
Buon Natale a tutti.

don Mirko – Il Segno, Dicembre 1996

Publié dans:liturgia, Liturgia Ambrosiana |on 20 juin, 2012 |Pas de commentaires »

PUERI CANTORES SACRE' ... |
FIER D'ÊTRE CHRETIEN EN 2010 |
Annonce des évènements à ve... |
Unblog.fr | Créer un blog | Annuaire | Signaler un abus | Vie et Bible
| Free Life
| elmuslima31