Archive pour la catégorie 'ebraismo : i giusti'

IL PAPA E IL CONTADINO (Giovanni XXIII ed un contadino arabo- palestinese che…)

dal sito:

http://www.stpauls.it/fc98/4698fc/4698fc88.htm
 
L’INTERVISTA – Amos Luzzatto, presidente delle Comunità ebraiche italiane

IL PAPA E IL CONTADINO

di FRANCA ZAMBONINI  

    «Tra le figure esemplari, che noi chiamiamo « giusti », io metto Giovanni XXIII e l’umile contadino arabo palestinese che sessant’anni fa accolse la mia famiglia a Tel Aviv, pur sapendo di rischiare la vita»: così risponde il professor Luzzatto alla domanda su chi considera santo.
Accadde sessant’anni fa: il 19 novembre 1938, 48.032 ebrei italiani, fino al giorno prima cittadini a pieno diritto, vennero cancellati dal loro Paese in forza dei Regi Decreti per la difesa della « razza romano-italica ». Erano romanissimi-italianissimi da decine di generazioni, ma si ritrovarono fuori. Così riassume Lia Levi nel suo libro Tutti i giorni di tua vita (Ed. Mondadori, 1997): «Fuori dalle scuole alunni e studenti, fuori dall’insegnamento maestri e professori, le maestre d’asilo e i luminari dell’università. Fuori dalle Forze armate. Fuori i medici, i veterinari, le ostetriche, gli avvocati, gli architetti, i chimici, i giornalisti, i ragionieri ebrei. Fuori gli ebrei da proprietà di città e campagna e dalla patria potestà su figli di altra religione… Passerà, passerà, passerà, mormoravano gli ebrei increduli, sbigottiti, ma era solo un modo per tenersi in vita».
Altri provvedimenti seguiranno ai primi: proibito agli ebrei andare negli alberghi, ottenere il passaporto, possedere una radio con più di cinque valvole, avere il nome sull’elenco del telefono, perfino fare un annuncio mortuario. Ed era solo l’inizio della tempesta che si stava addensando. Accadde sessant’anni fa, ma quell’esclusione pesa ancora sugli ebrei italiani.
Dice Clara Sereni, discendente di una famiglia che ha dato molto alla storia e alla cultura italiane, di cui ha raccontato nel suo libro Il gioco dei regni (Einaudi, 1993): «Nei momenti di crisi, la diversità ritorna problematica e insieme scatta una appartenenza. A me è successo con la guerra del Golfo, quando Israele, dove vivono i miei parenti residui, si trovò sotto grave minaccia. È bastato un telegiornale per ripropormi gli incubi, eppure pensavo di essermene liberata per sempre. Mi tornò alla mente una citazione, chissà di chi: « Alcuni mi rinfacciano di essere ebreo, altri me lo perdonano, altri ancora mi lodano per questo, ma tutti ci pensano ». All’epoca delle leggi razziali io non c’ero perché sono nata nel dopoguerra. I miei nonni paterni, Alfonsa e Samuele, conservarono il diritto al passaporto perché il loro figlio era stato un eroe della prima guerra mondiale e ripararono in Palestina. Appartenevano alla prima generazione di ebrei italiani nata fuori dai ghetti, che erano stati chiusi una cinquantina di anni prima. Fuggirono per non vivere dentro un altro ghetto».
Il nuovo presidente dell’Unione delle Comunità ebraiche italiane è il professor Amos Luzzatto: ha 70 anni, vive a Venezia, è medico chirurgo, scrittore e saggista.
Professor Luzzatto, quando uscirono le leggi razziali lei aveva dieci anni. Cosa ferì di più il bambino che lei era?
«Vivevo a Roma, ero stato promosso brillantemente alla prima ginnasio. Ne venni cacciato, come tutti gli alunni ebrei. La mia mamma cominciò a farmi le lezioni, su una panchina ai giardinetti. Passavano i ragazzi e mi gridavano: « Giudeo ». È questo che mi ha fatto più male. Per i miei compagni, i miei amici, io ero diventato un estraneo da disprezzare. Poi la mia famiglia non poté più restare a Roma, il settimanale Israel diretto da mio nonno venne chiuso, eravamo sotto stretto controllo, i poliziotti davanti al portone. Ci siamo trasferiti in Palestina, a Tel Aviv, dove fummo accolti in casa di un arabo palestinese, povero, ospitale, pietoso».
A sessant’anni di distanza, lei ha digerito l’insulto?
«No, neanche adesso. Né feci in tempo a introiettarlo, perché mi trovai quasi subito dentro la guerra. La Palestina era sotto mandato britannico e quando l’Inghilterra entrò nel conflitto, il 3 settembre del ’39, seguirono subito i razionamenti, le maschere antigas, le bombe su Tel Aviv, la paura. Nel ’42 sembrava che i tedeschi stessero arrivando fino in Palestina. Da Stalingrado veniva la minaccia di una tenaglia verso il Medio Oriente, le valanghe tedesche avanzavano in Egitto. Un vicino di casa ci disse che ognuno di noi ebrei era stato assegnato al proprio sgozzatore…».
Dopo le leggi razziali, avete ricevuto sostegno da parte di vostri amici non ebrei, un po’ di solidarietà, piccoli gesti?
«Gli amici intimi ci dissero timidamente che capivano cosa c’era precipitato sulla testa, e gli dispiaceva. Ma aggiungevano che, se Mussolini aveva deciso così, avrà avuto le sue buone ragioni e bisognava accettarle. Gesti di solidarietà e di aiuto concreto vi furono quando cominciarono le retate, le deportazioni, e divenne chiaro che l’antisemitismo non colpiva solo gli ebrei, ma tutto il Paese».
È difficile oggi vivere da ebreo in Italia?
«Alcuni ambienti ci dimostrano amicizia, adesione. In altri invece sta lentamente crescendo una ostilità, e serpeggiano vecchi pregiudizi, stereotipi come l’ebreo avaro, l’ebreo ricco, l’ebreo superbo. Una volta compare un accenno sul giornale, un’altra volta in Tv e perfino in Parlamento».
C’è una responsabilità anche da parte delle Comunità ebraiche?
«Sicuramente non siamo masochisti. Però riconosco che una responsabilità l’abbiamo, nel senso di una insufficienza didattica. Se tutti noi ci impegnassimo a spiegare noi stessi, forse alcune prevenzioni cadrebbero. Da presidente delle Comunità ebraiche, mi impegno in questo lavoro di presenza, di chiarimenti, scrivo ai giornali, parlo con politici e ministri, come per anni ha fatto egregiamente Tullia Zevi, che mi ha preceduto nell’incarico. Avremmo bisogno di un robusto ufficio stampa, ma il nostro bilancio è in condizioni penose».
Lei ha partecipato a tutti gli incontri del dialogo tra ebrei e cristiani che si tengono ogni anno, alla Mendola o a Camaldoli. Servono questi incontri?
«Sono molto importanti perché ci si conosce, si formano amicizie. Ma è una goccia nel mare. Come si può arrivare dappertutto? Le forze non bastano».
Però ogni tanto buttate una pietra sul cammino del dialogo. Per esempio, l’ambasciatore di Israele presso la Santa Sede, Aharon Lopez, ha chiesto di rinviare di cinquant’anni la beatificazione di Pio XII, finché i documenti sui suoi pretesi silenzi sulla persecuzione nazista contro gli ebrei non siano tutti esaminati.
«Ho parlato con l’ambasciatore Lopez e credo che le sue parole non siano state bene interpretate. Non è nostra intenzione fare battaglie, al contrario. Sommessamente diciamo che le ragioni del famoso silenzio andrebbero approfondite. Pio XII aveva offerto di contribuire alla raccolta dell’oro richiesto dai nazisti per evitare la deportazione del ghetto di Roma; e quando le chiese e i conventi offrirono rifugio agli ebrei, questo non avvenne sicuramente senza un nulla osta del Vaticano. Noi abbiamo espresso subito la nostra gratitudine per questi aiuti. Ma ci chiediamo se non c’erano anche possibilità più forti, interventi preventivi, per evitare la tragedia dell’Olocausto».
Avete sollevato obiezioni anche quando, lo scorso ottobre, è stata fatta santa Edith Stein, l’ebrea divenuta suora cattolica e uccisa in campo di concentramento. Il Papa ha parlato della «testimonianza della Stein come un ponte della reciproca comprensione tra ebrei e cristiani». E voi vi siete inquietati. Forse vi infastidisce la sua conversione?
«Se l’incontro dev’essere quello del martirio, Dio ce ne scampi. Non siamo prevenuti contro la sua conversione al cattolicesimo, la base del dialogo è il rispetto per le scelte, soprattutto per quelle che non condividiamo. Però la Stein non è morta perché era una cristiana votata al martirio, ma è stata uccisa da ebrea perseguitata. E non può essere un ponte, perché la sua scelta di convertirsi fu in realtà un distacco dalla fede dei padri».
Lei, personalmente, chi considererebbe santo?
«Per la nostra religione solo Dio è santo. Gli uomini e le donne di vita esemplare noi li dichiariamo « giusti ». Dunque, tra i giusti del mondo cattolico, metterei per primo Giovanni XXIII. Lo conobbi quando era patriarca di Venezia e mi colpì per la sua grandezza d’animo, la sua semplicità e bontà. Tra i giusti del mondo islamico, darei il primo posto a quell’umile contadino palestinese che ci offrì la sua casa quando riparammo a Tel Aviv, dicendoci che per la sua religione l’ospitalità è sacra. Ci accolse sapendo di rischiare la vita».
Tra gli ebrei che vivono oggi in Israele esistono molte divisioni politiche e religiose. Anche tra gli ebrei italiani?
«Sì, ma più che divisioni le chiamerei articolazioni. Non arriveremo mai alle vite separate, al non guardarci più in faccia, come succede in Israele in alcuni luoghi e in certe circostanze. Queste che chiamo articolazioni rappresentano un bene. La vivacità del confronto è preferibile al sonno dell’abitudine».
Lei è in partenza per Gerusalemme. La saluterà come la città esclusiva di David o anche come il cuore delle tre religioni?
«Non potrei immaginare Gerusalemme senza i cristiani in tutte le loro sfumature, cattolici, armeni, copti, ortodossi, e senza i fedeli islamici. Le sue radici più lontane sono ebraiche, perché altre religioni non c’erano quando David la fece il centro dell’ebraismo più di tremila anni fa. Noi siamo i fratelli maggiori, ma dobbiamo saper convivere con cristiani e musulmani. Altrimenti Gerusalemme verrebbe snaturata, mentre deve restare la casa delle tre grandi religioni monoteiste».
Professore, gli ebrei sono noti per il loro senso dell’umorismo, e penso al successo di Moni Ovadia con i suoi spettacoli di vita ebraica. Lei ha sottomano una storiella, una battuta?
«Ovviamente ne so centinaia, le dico la prima che mi viene in mente. « Perché gli ebrei rispondono sempre a una domanda con un’altra domanda? ». La risposta è, appunto, un’altra domanda: « Perché no? ». C’è una grande filosofia dietro questa storiella. È difficile rispondere alle domande. Ma è ancora più difficile formularle in maniera giusta».

Franca Zambonini  

Il rabbino risponde con un sorriso
Un libro che è una lunga intervista, all’insegna della semplicità delle domande e della chiarezza delle risposte: il giornalista Alain Elkann chiede al rabbino capo di Roma, Elio Toaff, qual è il suo pensiero sulla venuta del Messia (da qui il titolo, Il Messia e gli ebrei, Bompiani, lire 26 mila), quale comportamento tenere nei confronti di genitori e figli, come interpretare i testi sacri, qual è il giusto rapporto con il denaro, come affrontare solitudine e vecchiaia, che cosa ricorda della sua vita nel ghetto. E il suo giudizio sulla società d’oggi e sui suoi ideali…
«Nella mia lunga conversazione con il professor Toaff», spiega l’autore nella prefazione, «si capisce dalle prime righe che il Messia è una metafora per parlare di tutto con un uomo molto particolare e profondo che ha attraversato il secolo sempre con un sorriso. Toaff è un ebreo italiano, padre, marito, professore e un uomo di potere, ma è soprattutto un uomo che da tutta la vita obbedisce a Dio, alla sua legge interpretandone il volere».

l.m.

    

Publié dans:ebraismo : i giusti |on 21 juin, 2011 |Pas de commentaires »

Don Martino Michelone proclamato “Giusto tra le Nazioni”

 dal sito:

http://www.zenit.org/article-26668?l=italian
 
L’EROISMO DI UN PARROCO DI CAMPAGNA

Don Martino Michelone proclamato “Giusto tra le Nazioni”

di Antonio Gaspari

ROMA, giovedì, 12 maggio 2011 (ZENIT.org).- Gli orrori della seconda guerra mondiale e la barbarie che si scatenò contro il popolo ebraico fu riscattata dalle azioni di tanti eroi sconosciuti i quali con le loro opere di bene salvarono l’umanità.
E’ questo il caso di don Martino Michelone, parroco di Morasengo (Asti), un piccolo paese del Monferrato, il quale rischiò la vita pur di salvare una famiglia di ebrei perseguitati dai nazisti.
Domenica 8 maggio l’ambasciatore d’Israele Ghideon Meir, i rappresentanti della Regione e della Provincia, don Luigi Ciotti, presidente dell’associazione Libera, la vicepresidente dell’Ucei, Claudia De Benedetti e i sindaci di molti comuni monferrini tra cui Morano, città natale di don Michelone, hanno celebrato il riconoscimento di “Giusto tra le Nazioni” del parroco di Morasengo.
L’ambasciatore d’Israele Ghideon Meir ha ricordato gli scopi fondanti dello Yad Vashem, riportando la frase del Talmud che dice “chi salva una vita salva il mondo intero”. Dopodichè ha consegnato nella mani di Mauro, nipote di don Martino Michelone, la medaglia e il diploma con cui il sacerdote viene riconosciuto tra i giusti che contribuirono a salvare l’umanità.
Nel corso delle celebrazioni è stata scoperta una targa sulla facciata della chiesa che ricorda don Michelone e una targa sul retro della chiesa che intitola la Piazza a don Martino.
A raccontare la storia è stato Luciano Segre, un consulente di imprese e associazioni di industriali, che all’epoca aveva appena otto anni.
Era il 1938 quando in Italia vennero proclamate le leggi razziali. Riccardo Segre era un commerciante di tessuti a Casale Monferrato, e cercava di vivere tranquillo, ma dopo l’8 settembre 1943 la vita divenne incerta per tutti, soprattutto per gli ebrei.
Così Riccardo, insieme alla moglie Angela, sua sorella Elvira e il piccolo Luciano, fuggirono prima a Cogne e poi da lì pensarono alla fuga in Svizzera. Arrivarono in ritardo all’appuntamento con la famiglia Ovazza, e quella che poteva sembrare una disgrazia fu una fortuna, perchè tutti ci componenti della famiglia degli Ovazza venne tradita e uccisa.
Riccardo Segre, insieme alla sua famiglia, cercò di nascondersi, ma non aveva più denaro e si ammalò contraendo una infezione al polmone. Quando tutto sembrava perso e cominciava ad affiorare la disperazione, Riccardo incontrò don Martino, già cliente del suo negozio di tessuti, il quale gli disse: “Prendi la tua famiglia e venite a nascondervi in canonica da me”.
Luciano ha raccontato che la sua famiglia viveva nascosta sopra la chiesa e che don Martino “aveva mani grosse come badili” e faceva spesso volare scappellotti, ma era buono come il pane.
Per curare l’infezione polmonare di Riccardo, don Martino riuscì persino a recuperare della penicillina tra i medicinali paracadutati dagli inglesi.
Il rispetto per la religione ebraica era assoluto. Luciano ha testimoniato allo Yad Vashem che “Mai don Martino cercò di intavolare un discorso religioso con i Segre”, anche se, per evitare perquisizione e dubbi, aveva Riccardo come parte del coro della Chiesa, mentre Luciano faceva il chierichetto.
Nel corso della cerimonia in cui è stata scoperta la lapide in ricordo di don Martino, Luciano Segre ha spiegato: “Ho vissuto due anni magnifici in questo paese: è logico ero un bambino e mi divertiva stare qui.  Falsificando i documenti don Michelone mi ha mandato persino alla scuola elementare di Tonengo. In quella chiesa io servivo messa e mio padre cantava nel coro. Don Michelone però ha sempre rispettato la nostra religione”.
Don Martino, era molto attivo nell’opera di assistenza alle vittime della persecuzione e della guerra. E per questo divenne presto oggetto delle attenzione dei nazisti.
E’ sempre Luciano a narrare che una volta i nazisti vennero a cercare don Martino al fine di arrestarlo. Ma don Martino godeva della vigile attenzione dei parrocchiani, i quali riuscirono a farlo scappare in anticipo per il dirupo dietro la chiesa e poi lo nascosero nella macchia fino a quando i nazisti non decisero la ritirata.
Nel corso delle cerimonie per la commemorazione il giornalista Gad Lerner, che per primo ha diffuso la storia di don Martino, ha detto: “Se siamo venuti qui oggi in tanti e da tanti posti diversi è per dirvi grazie, grazie a voi e ai vostri padri, che sapevano che don Michelone stava nascondendo una famiglia di ebrei eppure non hanno mai denunciato nessuno.  Grazie perché ci avete donato una persona splendida come Luciano Segre. Oggi siamo chiamati a trasmettere questa memoria: il bene fatto nel 1943 diventa il bene per altre persone”.

Publié dans:ebraismo : i giusti |on 12 mai, 2011 |Pas de commentaires »

PUERI CANTORES SACRE' ... |
FIER D'ÊTRE CHRETIEN EN 2010 |
Annonce des évènements à ve... |
Unblog.fr | Créer un blog | Annuaire | Signaler un abus | Vie et Bible
| Free Life
| elmuslima31