Archive pour le 21 août, 2015

L’ultima cena

L'ultima cena dans immagini sacre 12%20ENLUMINURE%20MONASTERE%20DE%20FLOREFFE

http://www.artbible.net/3JC/-Mat-26,26_The%20last%20supper_La%20Cene/2nd_15th_Siecle/slides/12%20FRESCOE%20THE%20LORD%20S%20SUPPER%20ICKLETON%20CAMBRIG.html

Publié dans:immagini sacre |on 21 août, 2015 |Pas de commentaires »

IL MARTIRIO NON APPARTIENE SOLO AL PASSATO – PAPA FRANCESCO

http://www.osservatoreromano.va/it/news/piu-martiri-oggi-che-nella-chiesa-delle-origini

IL MARTIRIO NON APPARTIENE SOLO AL PASSATO – PAPA FRANCESCO

· MESSA A SANTA MARTA · 04 MARZO 2014

La persecuzione dei cristiani non è un fatto che appartiene al passato, agli albori del cristianesimo. È una triste realtà dei nostri giorni. Anzi, «ci sono più martiri oggi che nei primi tempi della Chiesa». Ne è convinto Papa Francesco e lo ha ribadito questa mattina, martedì 4 marzo, durante la messa celebrata a Santa Marta, chiedendo di riflettere sulla testimonianza di questi fratelli e di queste sorelle nella fede. Ma, ha ricordato il Papa, Gesù ci aveva avvertito: seguirlo significa godere della sua generosità ma anche «subire persecuzioni nel suo nome», come scrive Marco nel passo del Vangelo proposto dalla liturgia (10, 28-31).
«Gesù — ha esordito il Pontefice — aveva finito di parlare del pericolo delle ricchezze, di quanto era difficile che un ricco entrasse nel regno dei cieli. E Pietro gli fa questa domanda: “Noi abbiamo lasciato tutto e ti abbiamo seguito. Quale sarà il nostro guadagno?”. Gesù è generoso e comincia a dire a Pietro: “In verità io vi dico: non c’è nessuno che abbia lasciato casa o fratelli o sorelle o madri o padri o campi per causa mia e per causa del Vangelo che non riceva già ora in questo tempo cento volte, e fratelli e sorelle e madri e figli e campi…”».
Forse, ha proseguito il Pontefice, Pietro pensava: «Questa è una bella attività commerciale, andare dietro Gesù ci fa guadagnare tanto, cento volte tanto». Ma Gesù «aggiunge tre paroline: “insieme a persecuzioni”. E poi avrà la vita eterna». In sostanza intende: «Sì, voi avete lasciato tutto e riceverete qui nella terra tante cose, ma con la persecuzione». È «come — ha commentato il Santo Padre — un’insalata con l’olio della persecuzione. Questo è il guadagno del cristiano e questa è la strada di chi vuole andare dietro Gesù. Perché è la strada che ha fatto lui: lui è stato perseguitato».
È la strada dell’abbassamento, la stessa che — ha ricordato il vescovo di Roma — san Paolo indica ai Filippesi quando dice che Gesù, facendosi uomo, si abbassò sino alla morte di croce. «Questa è proprio la tonalità della vita cristiana», che è anche gioia. Infatti «seguire Gesù è una gioia. Nelle beatitudini Gesù dice: beati voi quando vi insulteranno, quando sarete perseguitati a causa del mio nome»
Dunque la persecuzione, ha precisato il Pontefice, è una delle beatitudini. Tanto che «i discepoli, subito dopo la venuta dello Spirito Santo, hanno cominciato a predicare e sono cominciate le persecuzioni. Pietro è andato in carcere, Stefano ha testimoniato con la morte, così come Gesù, con falsi testimoni. E poi ci sono stati ancora tanti altri testimoni, sino al giorno d’oggi. La croce è sempre sulla strada cristiana».
Certo, ha continuato Papa Francesco, noi potremo avere tanti religiosi, tante religiose, «tante madri, tanti padri, tanti fratelli nella Chiesa, nella comunità cristiana. E questo — ha fatto notare — è bello. Ma avremo anche la persecuzione, perché il mondo non tollera la divinità di Cristo, non tollera l’annuncio del Vangelo, non tollera le beatitudini». Proprio da qui scaturisce la persecuzione, che passa anche attraverso le parole, le calunnie. Così avveniva ai cristiani dei primi secoli, che subivano le diffamazioni e pativano il carcere.
«Ma noi — ha osservato il Santo Padre — dimentichiamo facilmente. Pensiamo ai tanti cristiani che sessant’anni fa erano rinchiusi nei campi, nelle prigioni dei nazisti, dei comunisti: tanti, solo perchè erano cristiani». E questo è ciò che accade «anche oggi», ha lamentato, nonostante la nostra convinzione di aver raggiunto un grado di civiltà diversa e una cultura più matura.
«Io vi dico — ha affermato il Papa — che oggi ci sono più martiri che nei primi tempi della Chiesa. Tanti fratelli e sorelle nostre che offrono la loro testimonianza di Gesù e sono perseguitati. Sono condannati perchè posseggono una Bibbia. Non possono portare il segno della croce». Questa è «la strada di Gesù. Ma è una strada gioiosa perchè mai il Signore ci mette alla prova più di quello che noi possiamo sopportare».
Certamente «la vita cristiana non è un vantaggio commerciale», ha puntualizzato il Pontefice. È semplicemente «seguire Gesù. Quando seguiamo Gesù succede questo. Pensiamo se noi abbiamo dentro di noi la voglia di essere coraggiosi nella testimonianza di Gesù». E, ha aggiunto, «pensiamo anche — ci farà bene — ai tanti fratelli e sorelle che oggi non possono pregare insieme perché sono perseguitati, non possono avere il libro del Vangelo o una Bibbia perchè sono perseguitati. Pensiamo a questi fratelli e sorelle che non possono andare a messa perchè è vietato. Quante volte giunge un prete di nascosto fra loro e fanno finta di essere a tavola a prendere un tè e celebrano la messa di nascosto. Questo succede oggi». Da qui l’invito conclusivo: «Pensiamo: sono disposto a portare la croce come Gesù? A sopportare persecuzioni per dare testimonianza a Gesù come fanno questi fratelli e sorelle che oggi sono umiliati e perseguitati? Questo pensiero ci farà bene a tutti».

23 AGOSTO 2015 | 21A DOMENICA – TEMPO ORDINARIO B | OMELIA

http://www.donbosco-torino.it/ita/Domenica/02-annoB/14-15/Omelie/8-Ordinario/21a-Domenica-B-2015/10-21a-Domenica-B-2015-UD.htm

23 AGOSTO 2015 | 21A DOMENICA – TEMPO ORDINARIO B | OMELIA

21A DOMENICA – TEMPO ORDINARIO 2015

Per cominciare
In ogni tempo, la parola provocatrice di Gesù divide gli animi e determina delle scelte pro o contro di lui. « Da chi andremo? Tu hai parole di vita eterna; tu sei il Santo di Dio », dice l’apostolo Pietro a Gesù nel momento in cui tutti lo abbandonano.

La parola di Dio
Giosuè 24,1-2a.15-17.18b. Giosuè, successore di Mosè e continuatore della sua missione di animatore del popolo ebraico in viaggio verso la terra promessa, convoca a Sichem le dodici tribù di Israele e, dopo aver ricordato tutto ciò che Iahvè ha fatto per loro, li invita a scegliere e servire per sempre il loro Dio.
Efesini 5,21-32. Si conclude oggi la lettura continua della lettera agli abitanti di Efeso. Paolo, dopo averli invitati a vivere una vita nuova, nella pratica delle virtù e nel rifiuto della stoltezza, dice loro – esemplificando – di vivere nell’amore reciproco il rapporto tra marito e moglie nel matrimonio.
Giovanni 6,60-69. Il grande dialogo che Gesù ha intrecciato con la folla che ha assistito alla moltiplicazione dei pani e dei pesci, si conclude drammaticamente, con l’abbandono da parte dei giudei, e anche di alcuni discepoli, che trovano troppo dure le sue parole. Gesù non li ferma, e sfida i suoi stessi dodici apostoli a fare lo stesso.

Riflettere…
o « Dopo la morte di Mosè, servo del Signore, il Signore disse a Giosuè, figlio di Nun, aiutante di Mosè: « Mosè, mio servo, è morto. Ora, dunque, attraversa questo Giordano tu e tutto questo popolo, verso la terra che io do loro, agli Israeliti. Ogni luogo su cui si poserà la pianta dei vostri piedi, ve l’ho assegnato, come ho promesso a Mosè. Dal deserto e da questo Libano fino al grande fiume, l’Eufrate, tutta la terra degli Ittiti, fino al Mare Grande, dove tramonta il sole: tali saranno i vostri confini »" (Gs 1,1-4). Inizia con queste promesse solenni il libro di Giosuè. Iahvè promette di essere vicino a Giosuè e al suo popolo nel territorio della terra promessa, così come aveva fatto con Mosè nel deserto.
o Il testo che ci viene presentato oggi è la parte conclusiva del libro. Giosuè ha 110 anni, vuole dare l’addio al suo popolo e intende farlo come si deve. Ormai vecchio e molto avanti negli anni, convocò tutto Israele, gli anziani, i capi, i giudici e gli scribi e disse loro: « Voi avete visto quanto il Signore, vostro Dio, ha fatto a tutte queste nazioni, scacciandole dinanzi a voi. Il Signore stesso, vostro Dio, ha combattuto per voi » (Gs 23,2-3). Non gli interessa sottolineare la sua abilità nel guidare il popolo. Ricorda soltanto ciò che ha fatto per loro Iahvè. Ma prima di concludere la sua missione, intende accertarsi della futura fedeltà del suo popolo, e li mette di fronte a una scelta decisiva, quella di dichiarare solennemente a quali divinità vogliono affidarsi. Solo dopo questa assicurazione, potrà unirsi ai padri sulle montagne di Efraim (Gs 24,29-30).
o Convoca le tribù a Sichem e si rivolge a loro con solennità. Dice: « Sceglietevi oggi chi servire: se gli dèi che i vostri padri hanno servito oltre il Fiume, oppure gli dèi degli Amorrei, nel cui territorio abitate ». Ma aggiunge: « Quanto a me e alla mia casa, serviremo il Signore » (Gs 24,15).
o C’era bisogno di richiedere questa dichiarazione di fedeltà al popolo? Essi avevano assistito ai grandiosi prodigiosi che hanno accompagnato la liberazione dall’Egitto, la fortunata fuga attraverso il Mar Rosso, la manna e le quaglie, l’acqua dalla roccia, la sconfitta dei vari popoli che contrastavano la loro avanzata nella terra promessa, la favolosa caduta di Gerico. Ora si trovano in una terra in cui « scorre latte e miele ». Davvero il popolo abbandonerà questo Dio potente e vicino?
o Di fatto gli israeliti rispondono positivamente: « Lontano da noi abbandonare il Signore per servire altri dèi! ». Riconoscenti di tutti questi prodigi, decidiamo di servire il Signore, « perché egli è il nostro Dio ».
o Soddisfatto, Giosuè insiste e in un dialogo serrato li invita a esprimere senza ripensamenti la loro scelta. Prende quindi una grande pietra e dice a tutto il popolo: « Ecco: questa pietra sarà una testimonianza per noi, perché essa ha udito tutte le parole che il Signore ci ha detto; essa servirà quindi da testimonianza per voi, perché non rinneghiate il vostro Dio » (Gs 24,27).
o L’episodio di Giosuè è una delle pagine più commoventi vissute dalle tribù di Israele e si è concluso positivamente, riconfermando l’alleanza del Sinai. Non così l’episodio evangelico che ci viene proposto quest’oggi. Il drammatico dialogo sul pane di vita tra Gesù e la folla si conclude con una sconfitta. Essa ha assistito al prodigio della moltiplicazione del pane e dei pesci, ma questo non basta a convincerli e decidono per l’abbandono.
o Praticamente Gesù ha posto i giudei di fronte alla difficile scelta di accogliere lui, pane disceso dal cielo, oppure di continuare a vivere come hanno fatto finora, accontentandosi del pane materiale. Ed essi non se la sentono di fare il salto nel buio, accogliendo senza ripensamenti Gesù, pane di vita. E i primi ad andarsene sono stranamente i discepoli, che a sorpresa entrano in scena solo in questo momento, non essendo stati nominati finora. Essi rifiutano le richieste impegnative del maestro, perché, dicono, la proposta è troppo « dura ».
o Forse non hanno capito? O hanno capito male? No, no, è proprio perché hanno capito troppo bene che rifiutano. Si tratta di fare della vita di Gesù la propria vita, di vivere come lui e per lui. Non si fidano, nonostante i prodigi a cui hanno assistito: la moltiplicazione del pane e dei pesci, la misteriosa camminata sulle acque del lago.
o Gesù pare sorridere: « Questo vi scandalizza? E se vedeste il Figlio dell’uomo salire là dov’era prima? ». Ai discepoli e alle folle che trovano difficile sbilanciarsi e scegliere, ancora una volta Gesù rincara la dose e parla di altri prodigi, che metteranno ancora più a dura prova la loro fede.
o Gesù rispetta sempre la libertà, non obbliga nessuno a condividere le sue scelte, non li costringe a « mangiare la sua carne ». Di fatto l’esperienza si chiude con un rifiuto e la profezia del tradimento di Giuda (« Gesù sapeva chi era colui che lo avrebbe tradito »). Ma anche con la risposta affermativa di Pietro. Alla domanda del maestro: « Volete andarvene anche voi? », Pietro a nome di tutti, esprime la fede del Dodici: « Signore, da chi andremo? Tu hai parole di vita eterna e noi abbiamo creduto e conosciuto che tu sei il santo di Dio ». È la professione di fede che Gesù attende da ogni cristiano.

Attualizzare
* Siamo al termine del discorso sul pane di vita. Il dialogo è stato difficile e duro, fra l’incomprensione dei giudei e Gesù che con chiarezza ribadisce il suo pensiero. Le sue parole possono essere accolte o rifiutate, ma non negoziate, modificate, rese più accettabili. Gesù scandalizza, chiede di avere fede in lui senza tentennamenti. Ed essi dicono: « Questa parola è dura; chi può ascoltarla? ».
* Tutto si conclude con lo scandalo, il rifiuto, l’abbandono. Gesù scandalizza, chiede di avere una fede senza ripensamenti in lui, nella sua persona, nelle sue parole. aMolti se ne vanno. Gesù li lascia andare. È fondamentale la libertà con Dio, il nostro rapporto con lui. Libertà religiosa vuol dire anche questo. Non forzare, rispettare i tempi di maturazione. Se ne vanno anche i discepoli, essi che lo hanno sicuramente conosciuto di più e meglio.
* Gesù addirittura lancia la sfida agli apostoli, disposto a rimanere solo a continuare la sua missione. Pietro, come abbiamo ricordato, riafferma la propria adesione a Gesù, il santo di Dio, con la più bella professione di fede. La stessa professione di fede che ci è raccontata dai vangeli sinottici, che però la collocano non a Cafarnao, come fa Giovanni, ma a Cesarea di Filippo.
* « Da chi andremo? », dice Pietro, ricordando che la nostra fede è Qualcuno, prima di essere un insieme di verità da conoscere e praticare. Essi erano ex pescatori, ex pubblicani, ex zeloti… il Signore li ha trasformati e ha riempito la loro vita di senso: non vogliono tornare indietro. Chi ha fatto una vera esperienza di fede, chi ha provato la vita nuova, non può sentire nostalgia del passato: « Mi hai guardato e ora ho fame e sete di te. Mi hai toccato e ora ardo dal desiderio della tua pace » (sant’Agostino).
* Oggi anche noi, che partecipiamo a questa assemblea eucaristica siamo posti di fronte alla stessa scelta. Gesù moltiplica per noi il pane e il vino e ci chiede di dire con chi vogliamo stare. Dopo ogni lettura, abbiamo proclamato la nostra fede nella « Parola di Dio », nella « Parola del Signore ». Questa parola ci pone ogni volta di fronte alla necessità di aderirvi o meno. Chiediamoci anche noi oggi quali divinità vogliamo servire: se « gli dei al di là del fiume » (Gs 24,15), divinità mute di legno o d’oro che non chiedono nulla, né che cosa fai, né se sei un disonesto e libertino o un violento (molte forme di nuova religiosità oggi sono assimilabili a questa); oppure il vero Dio, che ha assunto le sembianze umane, incarnandosi, e ci ha svelato i segreti di Dio sulla nostra vita e sul mondo.
* Il rischio, lo sappiamo, è di credere, ma non così tanto da capire che il Signore Gesù deve essere per noi qualcosa di assolutamente indispensabile, come il pane quotidiano. Mentre così spesso appena usciamo dalla chiesa poniamo la nostra fiducia in altre divinità più comode.
* Il nostro Dio ci chiede la vita, per assicurarci però un’esistenza nella sua pienezza. Si tratta solo di accoglierlo nella sua parola, di fidarsi di lui anche quando non tutto è chiaro, anche quando i fatti ci sconvolgono e ci travolgono.
* È un cammino che ha il suo fascino, pur nella lotta quotidiana per confermare ogni giorno le nostre scelte di fondo, che vanno sempre riconquistate e riaffermate.
* La parola di Dio di quest’oggi esemplifica poi, attraverso l’ultima parte della lettera agli Efesini, come si possa e si debbano esprimere queste scelte nella vita quotidiana. La lettera si conclude infatti con un riferimento ad alcuni ambiti di vita, tra i quali oggi viene presentato quello del matrimonio.
* L’adesione a Cristo porta con sé infatti un cambiamento di mentalità e di comportamento anche dei rapporti all’interno della famiglia, tra moglie e marito, con i figli. In ogni casa, tanti contrasti e incomprensioni nascono facilmente dal fatto di voler prevaricare sugli altri, tentando di avere il sopravvento o addirittura pretendendo di essere serviti dagli altri.
* Se le parole di Paolo in alcuni passaggi risentono della mentalità del tempo, il suo messaggio però è chiaro e le sue parole sanno di vera novità, sgorgando dal vangelo: « Siate sottomessi gli uni agli altri », dice. Nessuno deve dominare sul più debole, ma in tutti ci deve essere accettazione e rispetto, disponibilità al servizio, amore dimostrato.
* La « fede » che gli sposi si scambiano il giorno delle nozze diventa il simbolo di questo amore reciproco donato, e richiama un tipo di fedeltà che dovrebbe essere un impegno per tutta la vita.

Non respingere chi ti ama
« Dice il Signore Gesù: io sono tuo padre, tuo fratello, tuo sposo; io sono per te la casa, il vestito, la radice, il fondamento; tutto questo sono, se tu lo vuoi: nulla allora ti mancherà. Sarò io in persona che ti servirò, perché sono venuto nel mondo « per servire, non per essere servito » (Mt 20,28). Preoccupati solo di avere fiducia in me. Per te sono stato povero, sono vissuto mendicando; per te sono stato crocifisso e sepolto; tutto tu sei per me: fratello, coerede, amico, sei come una parte di me stesso, della mia persona. Cosa desideri di più? Perché respingi chi ti ama fino a questo punto? » (san Giovanni Crisostomo).

Noi ci vogliamo bene
La maestra parla di famiglia, e dice che c’è da essere contenti quando in una famiglia papà e mamma sono esigenti e severi. Poi fa una specie di indagine tra le sue piccole allieve. Quando chiede a una di loro: « Chi comanda a casa tua? Tuo papà o tua mamma? », si sente rispondere: « Da noi non comanda nessuno, perché ci vogliamo bene! ».

Fonte autorizzata : Umberto DE VANNA

PUERI CANTORES SACRE' ... |
FIER D'ÊTRE CHRETIEN EN 2010 |
Annonce des évènements à ve... |
Unblog.fr | Créer un blog | Annuaire | Signaler un abus | Vie et Bible
| Free Life
| elmuslima31