LO STABILIRSI DI DIO IN NOI E L’AMORE DI DIO – Macario l’Egiziano

http://tradizione.oodegr.com/tradizione_index/insegnamenti/stabilirsididio.htm

LO STABILIRSI DI DIO IN NOI E L’AMORE DI DIO


Quando si pianta una vite, sono necessarie molta attenzione e fatica, perché più tardi si possa giungere alla vendemmia. Se non ci fosse l’uva, tutta la fatica sarebbe inutile. Lo stesso avviene con la preghiera. Tutta la nostra fatica sarebbe inutile se mancassero i frutti dello spirito, l’amore, la pace e la gioia.

Macario l’Egiziano

La vera vita cristiana consiste nella comunione attiva con Dio, nella vita del Santo Spirito nel cuore, il quale santifica tutto. Tutto il processo del mutamento interiore avviene nella luce dell’unione con Dio, la quale conduce ad una sempre più profonda comprensione della vita divina e culmina con lo stabilirsi di Dio in noi. All’inizio della comunione con Dio la sua potenza si unisce alla libertà dell’uomo e comincia a purificare la sua anima. L’uomo sente questa forza, che lo sostiene e lo aiuta, ma il suo amore per le passioni gli impedisce di riposare in Dio. A lui manca ancora la potenza di Dio nella sua pienezza. Il suo cuore è scontento, insoddisfatto. Egli ha sete di ricevere in sé pienamente Dio, di amarlo con tutto il suo essere, ma non ci riesce per la sua inclinazione alle passioni. Nella comunione con Dio cresce anche il legame con lui. La piena unione con Dio comincia quando l’uomo conosce del tutto il Santo Spirito, allorché abita in lui.
Quest’unione non avviene solo nel pensiero, ma concerne tutta la vita. Il pensiero di Dio, la tendenza del cuore e della mente a Dio prepara l’uomo a riceverlo realmente in sé. Stabilendosi in noi, Dio comincia ad agire senza spegnere con ciò la personalità umana con le sue attitudini: “Infatti Dio in voi fa sì che vogliate e agiate come a lui è gradito” (Filippesi 2, 13). “Io più non vivo, ma vive in me Cristo” (Galati 2, 20).
La lettera di uno starec morente ad un suo discepolo ci introduce in quest’esperienza spirituale. La citiamo secondo J. Gurij, “Tajna Hristjankoj Zizni” (Optina, 1908).
 “A te, che sei il mio più vicino amico in Cristo, desidererei descrivere quella resurrezione dell’amore di Dio, a cui per trent’anni indarno ho aspirato. Quest’aspirazione provocava dolori nella mia nascita spirituale. Da una parte lottavo sino allo sfinimento contro me stesso e le mie passioni. Dall’altra viveva in me il desiderio di qualcosa di meglio e di più elevato di tutto ciò che mi offrivano le passioni. Quest’aspirazione forniva di ali il mio spirito e sentivo come soltanto l’amore verso Dio questa forza eterna, immortale e creatrice, potesse soddisfarmi. Ero assetato di amore verso Dio, ma bisognava rendersi degno di Lui, mentre io rimanevo legato a tutte le mie debolezze. Tuttavia nel frattempo l’amore per Dio cresceva s’infiammava. Facevo ciò che potevo secondo i comandamenti, davo agli infelici fino all’ultimo centesimo, mi sentivo segretamente misero, sopportavo tutte le offese e mi sforzavo di amare i miei nemici. Ma, ciononostante, non sentivo in me alcun amore verso Dio. Di ciò testimoniavano le mie passioni. Sempre più s’impadroniva di me l’aspirazione all’amore verso Dio, ma in realtà non l’acquistavo. Sentivo che l’energia della vita, quell’energia piena di grazia e creatrice, si fonda sull’amore per Dio. Ero convinto che le catene delle passioni sarebbero cadute da me, appena avessi raggiunto quest’amore, affinché anche le loro tracce bruciassero in esso. “La verità vi libererà, ed allora sarete realmente liberi”.
Allora Dio volle mandarmi una sofferenza. Mi ammalai, ma ancora non sentivo in me alcun amore. Mi ritirai in me stesso e soffrii molto, perché ancora ero rimasto senza amore, ma nel peccato. E quanto più soffrivo e piangevo, tanto più nella coscienza diventavo più lieto, poiché il peccato aveva perduto la sua forza su di me. Infatti le eccitazioni delle passioni non mi procuravano alcuna soddisfazione, abbandonarono il cuore e si avvicinò la penitenza accompagnata da un senso di fiducia e di gratitudine verso Dio. Quanto più soffrivo, tanto più mi sentivo leggero. Quella che mi aveva colpito era una malattia apportatrice di gioia. Sentii la necessità di comunicarmi più spesso e questa mi fu concessa. Poi il mio spirito fu preso da un’indicibile fiducia in Dio ed il cuore fu pieno di gratitudine. A questo punto di fronte alla mia nullità si manifestò l’amore di Dio nella sua opera di salvezza. Questo amore si sviluppava così violentemente nel mio intimo, che appena sentivo i miei dolori. Non potevo allontanarmi dall’amore verso Dio né nei miei pensieri né nei movimenti del cuore. Il ricordo di tutta la vita terrena di Cristo, di tutte le sue manifestazioni e di tutte le sue opere mi riempiva di una gioiosa commozione e rinnovava la mia vita interiore. Il cuore era pieno della fiducia di salvarsi. Nulla mi poteva volgere al dubbio sulla sua misericordia. Dio era vicino, l’anima viveva per Lui e provava solo il suo indicibile amore.
Ogni passo della vita terrena di Cristo s’imprimeva chiaramente nella mia coscienza. Tutto era santificato da Lui: l’aria che respiravo, l’acqua che bevevo, il letto su cui giacevo e la cassa da morto che mi attendeva. Tutto divenne pegno della mia salvezza, della mia resurrezione, a cominciare dalla morte fisica sino alla mia glorificazione in Dio. Ed io m’accorsi che nulla accade per merito mio, ma solo per l’immensa misericordia di Dio… Rivissi nel modo più profondo i miei peccati, mentre il mio spirito nello stesso tempo ed incessantemente era animato dalla più beata fiducia nell’amore di Dio, che apportava salvezza, e nella sua misericordia. Lacrime di commozione scorrevano dai miei occhi ed il mio cuore provava qualcosa d’indicibile. Beato nell’amore di Dio, ero pronto a rimanere solo per l’eternità nella mia sofferenza, ma assieme a Dio e nell’amore verso di Lui. Tale è l’amore di Dio, quella forza onnipotente e creatrice, quell’energia della vita eterna. Per mezzo dell’amore divino entra nell’uomo il Regno di Dio nella sua potenza. Bisogna amare Dio, vivere in Lui e respirare nello spirito del suo amore”.

Questa lettera manifesta una vita meravigliosa di unità con Dio, piena di bellezza spirituale e di grazia. In essa è spiegato come il Signore penetra nel cuore dell’uomo e il Santo Spirito arriva e si unisce strettamente con l’anima. È questo il segreto della vita cristiana. Il fine della nostra esistenza è l’aspirazione al Santo Spirito, alla sua presenza in noi ed alla sua compenetrazione di tutto il nostro essere. Senza quest’aspirazione la nostra vita è priva di un fine, è senza senso e vuota.
Ma perché ci si volga a questo Spirito di fuoco e purissimo, è necessario impegnarsi con molta fatica nella purificazione interiore, uno sforzo libero e cosciente, nella trasformazione della nostra natura peccatrice ed egoista in un amore universale. Il Santo Spirito prepara il cuore, l’intimo carattere dell’uomo si modifica. Si riconosce anche la più piccola traccia del peccato e si esige la sua completa scomparsa. Il minimo slancio di compiacimento di se stesso, ogni forma, sia pur minima, di egoismo e di assoggettamento a sé di un’altra persona è un peccato contro l’amore che allontana il Santo Spirito.
La fede Cristiana promette il Regno di Dio nel nostro intimo, ed esso si trasferisce nel cuore preparato. Come il ferro, il piombo, l’argento e l’oro nel fuoco perdono la loro caratteristica durezza e si fondono, così anche l’anima, che cerca Dio con il desiderio interiore e con la fatica e che riceve il fuoco celeste della divinità e l’amore dello Spirito, deve essere libera da ogni passione e legame. Essa perde la sua durezza naturale e peccaminosa e vive serena nel tepore dell’indicibile amore di Dio. La ragione e la mente ricevono nel contatto con il Santo Spirito la costanza, la fermezza ed una pace incrollabile. Esse non sono più turbate dalla superficialità e dall’ozio delle fantasticherie, ma rimangono sempre nella pace di Cristo e nell’amore dello Spirito. Il rinnovamento della mente, la fine dei pensieri e l’amore per il Signore sono la prova della nuova creatura e della trasformazione dell’uomo nel Cristo. Quest’amore vivo ed attivo verso Dio, la comunione con Lui ed il suo stabilirsi in noi sono il frutto della Grazia del Santo Spirito e sono la fonte nello stesso tempo dell’incessante preghiera del cuore.

dall’opera “Obitavnaje Bezgranicnog u Srzu”, Beograd 1982, 228-232; trad. A. S.

Publié dans : meditazioni, Oriente Cristiano, Ortodossia |le 24 septembre, 2013 |Pas de Commentaires »

Vous pouvez laisser une réponse.

Laisser un commentaire

PUERI CANTORES SACRE' ... |
FIER D'ÊTRE CHRETIEN EN 2010 |
Annonce des évènements à ve... |
Unblog.fr | Créer un blog | Annuaire | Signaler un abus | Vie et Bible
| Free Life
| elmuslima31