Archive pour le 20 août, 2010

Ezechiel the prophet, events and portraits

 Ezechiel the prophet, events and portraits  dans immagini sacre  

 http://www.artbible.net/1T/Eze0101_Ezechiel/index_4.htm

Publié dans:immagini sacre |on 20 août, 2010 |Pas de commentaires »

Sant’Ambrogio: Se vieni rapito in cielo « e » Il divino pittore

dal sito:

http://www.novena.it/il_punto/padri_della_chiesa/indice_luglio.htm

Ambrogio di Milano, Il paradiso 1153

Se vieni rapito in cielo

I giusti vengono rapiti in paradiso, così come fu rapito Paolo in paradiso e poté udire parole ineffabili.
E se tu… vieni rapito al terzo cielo sì da vedere lo splendore della grazia spirituale — l’uomo animale non può, infatti, conoscere ciò che è dello spirito e ti è pertanto necessaria l’ascesa al terzo cielo per essere rapito in paradiso — sarai rapito ormai senza pericolo, affinché tu possa giudicare ogni cosa, poiché «l’uomo spirituale giudica ogni cosa, senza essere giudicato da nessuno» (1Cor 2,15), e forse, ancora fragile, udrai parole ineffabili che non è lecito all’uomo proferire; allora dovrai conservare quanto avrai ricevuto e custodire quanto avrai udito.
L’apostolo Paolo riteneva tutto in sé per non cadere in errore o per lo meno per non far cadere altri in errore.

Ambrogio di Milano, Esamerone 6,9,47

Il divino pittore


Tu sei stato dipinto, o uomo, dipinto dal Signore Dio tuo; buon artista e buon pittore tu hai. Dunque non cancellare una buona pittura, che brilla non di belletto, ma di verità, è fatta non con la cera, ma con la grazia. E tu, o donna, cancelli quella pittura se spargi sul tuo volto un bianco fatto di materia e vi diffondi un rosso artificiale.
Questa è pittura di difetti, .non di bellezza, è pittura di frode, non di autenticità; è soggetta al tempo, questa pittura: è lavata dal sudore o dalla pioggia; inganna e illude, per modo che finisci col non piacere a colui al quale desideri piacere, che capisce come non sia tuo quello che dovrebbe piacere e col dispiacere al tuo artefice, che vede distrutta l’opera sua.
Non levare la pittura di Dio. Va’ a cercare colui che ti ha dipinto, fa’ società con lui, prendi da lui la grazia.

Publié dans:Padri della Chiesa e Dottori |on 20 août, 2010 |Pas de commentaires »

“Che cos’è il canone biblico”: L’origine del concetto di «canone»

dal sito:

http://www.diocesisulmona-valva.it/index2.php?option=com_docman&task=doc_view&gid=9&Itemid=99999999

 “Che cos’è il canone biblico”

 L’origine del concetto di «canone»

   Per comprendere il concetto di «canone» (= «metro di misura») bisogna risalire all’idea del «libro sacro», che non è esclusiva della religione ebraico-cristiana. In diverse culture ed epoche storiche si trova l’idea secondo cui la norma della fede sia rivelata nella scrittura di alcuni libri sacri tramandati nella vita della comunità. Sono stati censiti almeno diciotto «canoni» di libri sacri attestati in diversi sistemi religiosi. Circa i libri sacri, sono noti per l’Induismo il Veda, per il Buddhismo il Tripitaka, per lo Shintoismo il Kojiki, il Nihongi e l’Engishiki, per l’islamismo il Corano, ecc. Il fenomeno che contrassegna l’origine del «libro sacro» nel suo complesso è accompagnato da alcune caratteristiche abbastanza condivise. Ne segnaliamo tre principali:
- La prima è data dall’esclusività del «libro sacro», che è ritenuto portatore di una rivelazione celeste con un messaggio «salvifico» da parte della divinità. Generalmente nello sviluppo dell’esperienza religiosa si tende a fissare l’esatta estensione del «libro sacro» in un «canone» (elenco ordinato di testi), il più possibile preciso e definitivo
- Una seconda caratteristica è data dall’uso liturgico dei testi sacri e dalla tendenza a venerare e ritualizzare l’atteggiamento cultuale nei riguardi del libro sacro.
- Una terza caratteristica è costituita dalla funzione normativa attribuita al libro sacro e dal conseguente approccio esegetico ed ermeneutico al contenuto del testo, che viene proposto ed interpretato nel corso del tempo, con una conseguente «storia degli effetti» rintracciabile nell’ambiente comunitario. Una simile evoluzione del concetto di «canone» ha caratterizzato anche il fenomeno religioso dell’ebraismo e successivamente del cristianesimo.

P  Criteri di canonicità e ispirazione divina delle Scritture

   Di fronte alla Bibbia sorge in tanti credenti la domanda: «Come e perché si è arrivati a stabilire l’elenco dei libri nella Bibbia»? Questa domanda richiede una risposta più complessa ed ampia, che riguarda l’idea della formazione del canone lungo la storia e segnatamente la nascita e lo sviluppo di ciascun libro. Il canone non è un semplice «elenco» che riporta un gruppo di «testi sacri» (corpus normativo), ma indica un «processo storico e teologico» avvenuto nel corso di un complesso sviluppo della tradizione spirituale e culturale (cf. Dei Verbum, 8), attraverso la quale i testi antichi sono giunti fino a noi integri e sono stati inseriti nell’elenco ufficiale proposto alla venerazione di tutti i credenti, in quanto sono creduti «ispirati» da Dio stesso. Tre sono i criteri principali che hanno indotto la Chiesa primitiva ad accogliere un libro sacro nel canone e a ritenerlo ispirato: a) l’origine (approvazione) apostolica; b) l’uso liturgico; c) la conformità del suo contenuto alla regola della fede.
   Si evidenzia come il tema teologico del canone si collega strettamente con il tema dell’«ispirazione» divina della Scrittura. Per tale ragione secondo il principio teologico della «canonicità», nell’elenco biblico consegnatoci dalla tradizione antica, sono presenti unicamente i libri ispirati e non esistono altri libri ispirati al di fuori del canone ufficiale della Bibbia.

P La tradizione delle Scritture di Israele

   Nel progressivo formarsi della letteratura biblica (ogni libro è caratterizzato da una sua storia redazionale), dobbiamo supporre che la comunità israelitica ebbe coscienza di possedere dei testi che riportano la Parola di Dio e, di conseguenza, costituiscono la fonte genuina della regola della fede e della vita del popolo ebraico. La ricerca è prevalentemente basata sulle fonti bibliche, dal cui contenuto emergono indicazioni e testimonianze relative a personaggi, cicli narrativi e legislativi e libri della Sacra Scrittura. Tuttavia il processo di definizione «canonica» dei singoli libri è complesso e di non facile ricostruzione. Le problematiche sono collegate soprattutto alla determinazione esatta del numero dei libri, che non è uniformemente attestata nelle diverse comunità ebraiche. Le differenze emergono specificamente nel confronto tra il mondo palestinese (che seguiva la versione della Bibbia ebraica) e la diaspora «alessandrina» (la comunità ebraica che viveva in Alessandria d’Egitto), nel cui alveo prende vita la traduzione greca della Settanta (LXX). Pertanto all’inizio dell’epoca cristiana sembrano sussistere due elenchi canonici, di cui l’elenco palestinese è più breve di sette libri rispetto a quello alessandrino. Questa differenza permane nel computo dei libri canonici, fino alla fine del I secolo d.C., quando un sinodo rabbinico riunito ad Jamnia stabilisce la lista definitiva dei libri ritenuti sacri presso gli ebrei.
   Stando alle notizie che desumiamo dalle testimonianze bibliche, la coscienza esplicita di un «canone delle Scritture» in Israele viene attestata in un periodo abbastanza recente, precisamente nel II secolo a. C. Infatti la tripartizione della Scrittura di Israele si trova per la prima volta nel prologo del Siracide (che è datato intorno al 130 a. C.), nel quale si menzionano tre collezioni: «la legge (torah), i profeti (nebiîm) e gli altri scritti (ketûbim)» (cf. Sir 1,1.7-9.25). La Legge, ovvero i primi cinque libri della Torah (Genesi, Esodo, Levitico, Numeri, Deuteronomio) costituiva già da tempo un’entità ben definita, da quando aveva ricevuto la sua forma definitiva, probabilmente nel periodo diEsdra (cf. Esd7,1.25-27; Ne 8). Anche la collezione dei Profeti si può ritenere abbastanza omogenea. Essa comprende i «profeti anteriori»: Giosuè, Giudici 1-2Samuele (un solo libro) e 1-2Re (un solo libro) e i «profeti posteriori», a loro volta distinti in «profeti maggiori»: Isaia, Geremia ed Ezechiele e «profeti minori»: Osea, Gioele, Amos Abdia, Giona, Michea, Naum, Abacuc, Sofonia, Aggeo, Zaccaria, Malachia (chiamati i «dodici profeti» e raccolti in un solo libro).
   Più complessa è la determinazione della terza collezione degli «altri scritti», che raccoglie opere sapienziali come Giobbe, Qoelet, Salmi, Proverbi, Cantico dei Cantici e libri di diversa natura quali Esdra e Neemia (un solo libro), 1 e 2Cronache (un solo libro), Daniele, Ester, Tobia, Giuditta, Rut, Lamentazioni, 1 e 2 Maccabei. Le dispute sorte all’interno delle differenti anime del giudaismo del tempo e la disfatta del 70 d. C. hanno reso ancora più problematica la determinazione del processo canonico presso la comunità ebraica. Gli autori ricorrono alle testimonianza dello storico Giuseppe Flavio (37-100 d. C.) che nell’opera Contro Apione (del 95 d. C.) parla di «22 libri considerati come divini», confermando la fluidità di questa terza collezione di scritti canonici. Pochi anni più tardi di Giuseppe Flavio, nell’apocrifo del IV Esdra si fa menzione di 24 libri pubblicamente accettati dai Giudei. Nello sviluppo della tradizione giudaica dei decenni successivi, il canone delle Scritture di Israele ha mantenuto la tradizione «dell’elenco ristretto» di origine palestinese, che annovera trentanove libri ispirati, escludendo sette libri della versione alessandrina della Settanta (Tobia, Giuditta, 1 e 2 Maccabei, Baruc, Siracide e Sapienza).

P  La formazione del canone cristiano

   Fin dall’inizio la Chiesa apostolica ha accolto la tripartizione delle Scritture di Israele. Nei 27 libri neotestamentari si trovano circa 350 citazioni esplicite dell’Antico Testamento, di cui 300 citazioni corrispondono alla versione greca della Settanta, che costituì la fonte principale a cui attinsero gli autori cristiani. Tuttavia il problema dell’identificazione del canone delle Scritture di Israele e la fluttuazione dell’elenco dei libri canonici emerge nelle differenti posizioni dei Padri apostolici e nell’ampio dibattito successivo, così come è testimoniato dai concili di Laodicea (360 d.C.), di Ippona (393 d.C.) e di Cartagine (397 d.C.).
   Anche la nascita e lo sviluppo del canone dei libri cristiani ha subito una complessa evoluzione e la sua determinazione finale si attesta intorno alla metà del II secolo d. C. Già negli scritti neotestamentari (cf. 2Pt 3,16; 1Tm 5,18) si trovano cenni a testi canonici, senza però riportare elenchi espliciti. Dobbiamo ritenere che le comunità locali possedevano alcuni scritti cristiani, soprattutto le lettere di Paolo e i quattro Vangeli. Questi scritti rappresentavano ancora una raccolta incompleta fino alla metà del II sec. d.C. Lo sviluppo organizzativo della Chiesa nell’ambiente imperiale e il sorgere delle prime eresie diede un notevole impulso alla formalizzazione di un canone neotestamentario. Verso la fine del II sec. compaiono opere come il Diatessaron di Taziano (180 d.C.) e iniziano i primi elenchi dei libri cristiani (il «frammento muratori ano»). Nel 200 d.C. Tertulliano per primo utilizza l’espressione «Nuovo Testamento» per definire la tradizione degli scritti cristiani rispetto alle Scritture d’Israele.
   Il consolidamento dell’elenco canonico neotestamentario avviene lungo i primi cinque secoli del cristianesimo. I 27 libri del Nuovo Testamento sono costituiti dai quattro vangeli (Matteo, Marco, Luca e Giovanni), dagli Atti degli Apostoli, dall’epistolario paolino (Romani, 1-2Corinzi, Galati, Efesini, Filippesi, Colossesi, 1-2Tessalonicesi, 1-2Timoteo, Tito, Filemone); dalla lettera agli Ebrei e dalle lettere di Giacomo, 1-2Pietro, 1-2-3Giovanni e Giuda. L’ultimo libro è l’Apocalisse. 
   Il carattere definitivo del canone della Bibbia cristiana è confermato da un’ampia tradizione teologica e magisteriale attestata lungo i secoli. Il dibattito seguito dalla Riforma protestante nel XVI sec. portò alla definizione solenne del Concilio Tridentino (1546) che stabilisce per la Chiesa cattolica l’elenco definitivo di 73 libri, da accogliere come «sacri e canonici, interi con tutte le loro parti» (cf. EB 60).

Giuseppe  De Virgilio

Publié dans:biblica |on 20 août, 2010 |Pas de commentaires »

buona notte

buona notte dans immagini buon...notte, giorno field-nigella-0221

Field Nigella

http://www.naturephoto-cz.com/photographer-ivan-bilek.html

Publié dans:immagini buon...notte, giorno |on 20 août, 2010 |Pas de commentaires »

Omelia 20 agosto 2010

dal sito:

http://www.lachiesa.it/calendario/omelie/pages/Detailed/715.html

Omelia (22-08-2003) 
padre Lino Pedron

Commento su Matteo 22,34-40

Questa terza controversia tocca un argomento scottante per il giudaismo. I rabbini ripartivano i 613 precetti della Legge in 365 proibizioni (numero dei giorni dell’anno) e in 248 comandamenti (numero delle componenti del corpo umano). Si trattava di sapere qual era il precetto fondamentale.

La risposta di Gesù unisce tra loro l’amore di Dio e l’amore del prossimo (Dt 6,5 e Lv 19,18). Tutta la Legge è adempiuta in questi due amori che diventano un solo amore in Gesù, nel quale Dio e l’uomo si uniscono in una sola persona. E’ nella capacità di tenerli uniti anche nella vita del cristiano che si misura la fede.

L’unione dell’amore di Dio e dell’amore del prossimo come culmine della Legge è un concetto specificamente cristiano e costituisce la sostanza di questo brano e di tutto il vangelo di Gesù. Occorre però ricordare che Gesù ha ridefinito il concetto di prossimo (cfr Lc 10,30-37). L’amore del prossimo ha come presupposto l’amore di se stessi. Ma l’amore evangelico di se stessi!

In Cristo si è manifestato l’amore di Dio e del prossimo in forma assoluta ed esemplare. E’ lui l’unico modello. 

San Basilio: « Questo è il primo dei comandamenti… E il secondo è simile al primo »

dal sito:

http://www.levangileauquotidien.org/main.php?language=IT&module=commentary&localdate=20100820

Venerdì della XX settimana delle ferie del Tempo Ordinario : Mt 22,34-40
Meditazione del giorno
San Basilio (circa 330-379), monaco e vescovo di Cesarea in Cappadocia, dottore della Chiesa
Regole più ampie, § 3

« Questo è il primo dei comandamenti… E il secondo è simile al primo »

        Abbiamo ricevuto il precetto di amare il prossimo come noi stessi. Ma Dio non ci ha forse dato anche una propensione naturale a farlo ? … Nulla è più conforme alla nostra natura che vivere insieme, cercarci l’un l’altro e amare il proprio simile. Il Signore domanda dunque i frutti di quello di cui ha deposto il germoglio in noi, dicendo : « Vi do un comandamento nuovo : che vi amiate gli uni gli altri » (Gv 13, 34).

        Nello scopo di eccitare la nostra anima ad obbedire a questo precetto, non ha voluto che si trovasse la marca dei suoi discepoli in prodigi o in opere straordinarie, sebbene essi ne avessero ricevuto il dono nello  Spirito Santo. Invece, dice : « Da questo tutti sapranno che siete miei discepoli, se avrete amore gli uni per gli altri » (Gv 13, 35). E mette fra i due comandamenti un nesso così stretto, da guardare come fatta a lui ogni opera buona fatta al prossimo : « Perché io ho avuto sete, dice, e mi avete dato da bere ». E aggiunge : « Ogni volta che avete fatto queste cose a uno solo di questi miei fratelli più piccoli, l’avete fatto a me » ( Mt 25, 35-40).

        L’osservanza del primo comandamento contiene dunque anche l’osservanza del secondo, e mediante il secondo, si torna al primo. Chi ama Dio amerà pertanto il prossimo. « Se uno mi ama, dice il Signore, osserverà la mia parola ». « Questo è il mio comandamento : che vi amiate gli uni gli altri, come io vi ho amati » (Gv 14, 23 ; 15, 12). Lo ripeto : chi ama il prossimo compie il suo dovere di amore verso Dio, perché Dio ritiene questo dono fatto a lui.

PUERI CANTORES SACRE' ... |
FIER D'ÊTRE CHRETIEN EN 2010 |
Annonce des évènements à ve... |
Unblog.fr | Créer un blog | Annuaire | Signaler un abus | Vie et Bible
| Free Life
| elmuslima31