Santa Teresa Benedetta della Croce [Edith Stein] : « Lodate il Signore nel suo santuario… Ogni vivente dia lode al Signore» (Sal 150)

dal sito:

http://www.levangileauquotidien.org/main.php?language=IT&module=commentary&localdate=20091124

Martedì della XXXIV settimana del Tempo Ordinario : Lc 21,5-11
Meditazione del giorno
Santa Teresa Benedetta della Croce [Edith Stein] (1891-1942), carmelitana, martire, compatrona d’Europa
La preghiera della Chiesa

« Lodate il Signore nel suo santuario… Ogni vivente dia lode al Signore» (Sal 150)

        Nell’antica Alleanza avevano già una certa comprensione della dimensione eucaristica della preghiera: quell’opera prodigiosa della tenda dell’Alleanza (Es 25) come, in seguito, quella del Tempio di Salomone, fu considerata come l’immagine di tutta la creazione radunata attorno al suo Signore per adorarlo e servirlo… Come, secondo il racconto della creazione, il cielo è stato srotolato come un telo, così, dei teli dovevano costituire le pareti della tenda. Come le acque che sono sotto il firmamento sono state separate dalle acque che sono sopra il firmamento, così il velo del Tempio separava il Santo dei santi dagli spazi esteriori… Il candelabro a sette bracci figura i luminari del cielo. Agnelli e uccelli rappresentano il pullulare degli esseri viventi che abitano il mare, la terra e il cielo. E come all’uomo fu affidata la terra, spetta al sommo sacerdote tenersi nel santuario…

        Al posto del Tempio di Salomone, Cristo ha edificato un tempio fatto di pietre vive (1 Pt 2, 5), la comunione dei santi. Egli si tiene in mezzo ad esso in quanto sommo sacerdote eterno, e sull’altare egli in persona è il sacrificio eternamente offerto. E tutta la creazione è resa partecipe di questa liturgia: i frutti della terra vi sono riuniti in offerte misteriose, i fiori e le luci, i teli e il velo del Tempio, il sacerdote consacrato, come pure l’unzione e la benedizione della casa di Dio. 

        Neanche i cherubini sono assenti. Le loro figure scolpite montavano la guardia nel Santo dei santi. Ora i monaci, che sono la loro immagine vivente, si curano che la lode di Dio non cessi mai, sulla terra come in cielo… I loro canti di lode chiamano all’alba tutta la creazione a unirsi per magnificare il Signore: monti e colline, fiumi e torrenti, e creature tutte che abitano sulla terra, nuvole e venti, piogge e rugiade, neve e nebbia, tutti i popoli della terra, uomini di ogni condizione e razza, e abitanti dei cieli, angeli e santi (Dn 3, 57-90)… Noi dobbiamo raggiungere, per mezzo della nostra liturgia, questa lode eterna di Dio. « Noi », cioè, non soltanto i religiosi regolari… ma tutto il popolo cristiano.

Publié dans : Bibbia: commenti alla Scrittura |le 24 novembre, 2009 |Pas de Commentaires »

Vous pouvez laisser une réponse.

Laisser un commentaire

PUERI CANTORES SACRE' ... |
FIER D'ÊTRE CHRETIEN EN 2010 |
Annonce des évènements à ve... |
Unblog.fr | Annuaire | Signaler un abus | Vie et Bible
| Free Life
| elmuslima31