Giovanni Paolo II : « Fatele fruttificare » : lavoro umano e Regno di Dio

dal sito:

http://www.levangileauquotidien.org/main.php?language=IT&module=commentary&localdate=20091118

Mercoledì della XXXIII settimana del Tempo Ordinario : Lc 19,11-28
Meditazione del giorno
Giovanni Paolo II
Omelia davanti ai lavoratori lussemburghese, maggio 1985

« Fatele fruttificare » : lavoro umano e Regno di Dio

Quando Dio creò l’umanità, maschio e femmina, disse loro : « Siate fecondi e moltiplicatevi, riempite la terra e soggiogatela » (Gen 1,28). Questo è, per così dire, il primo comandamento di Dio, legato all’ordine stesso della creazione. Così il lavoro umano risponde alla volontà di Dio. Quando diciamo : « Sia fatta la tua volontà », possiamo ricollegare queste parole anche col lavoro che riempie tutte le giornate della nostra vita. Sappiamo che ci accordiamo a questa volontà del Creatore quando il nostro lavoro e i legami umani ai quali esso porta, sono impregnati dei valori di iniziativa, di coraggio, di fiducia, di solidarietà, che sono tutti riflessi della somiglianza divina in noi.

Il Creatore ha investito l’uomo del potere di dominare la terra ; gli chiede cioè di essere padrone, con il suo lavoro, del campo che gli è stato affidato, di mettere in opera tutte le sue capacità affinché la sua personalità, e la comunità intera, giungano al loro pieno sviluppo. Con il suo lavoro, l’uomo obbedisce a Dio e risponde alla fiducia che ha in lui. Questo non è estraneo alla domanda del Padre nostro : « Venga il tuo Regno ». L’uomo agisce affinché il disegno di Dio si realizzi, consapevole di essere stato fatto a somiglianza di Dio, e quindi di aver ricevuto da lui la sua forza, la sua intelligenza, le sue disposizioni per realizzare una comunità di vita mediante l’amore desinteressato che nutre per i suoi fratelli. Tutto ciò che è positivo e buono nella vita dell’uomo si schiude e giunge al suo vero scopo nel Regno di Dio. Avete ben scelto questa parola d’ordine : « Regno di Dio, vita dell’uomo » ; infatti la causa di Dio e la causa dell’uomo sono collegate ; il mondo progredisce verso il Regno di Dio grazie ai doni di Dio che permettono il dinamismo dell’uomo. In altri termini, pregare perché venga il Regno di Dio, è tendere con tutto il suo essere alla realtà che è il fine ultimo del lavoro umano.

Publié dans : Bibbia: commenti alla Scrittura |le 18 novembre, 2009 |Pas de Commentaires »

Vous pouvez laisser une réponse.

Laisser un commentaire

PUERI CANTORES SACRE' ... |
FIER D'ÊTRE CHRETIEN EN 2010 |
Annonce des évènements à ve... |
Unblog.fr | Annuaire | Signaler un abus | Vie et Bible
| Free Life
| elmuslima31