Lc 1,35 : In Maria lo Spirito Santo viene a creare un mondo nuovo.

dal sito:

http://www.mariedenazareth.com/527.0.html?&L=4

Lc 1,35 : In Maria lo Spirito Santo viene a creare un mondo nuovo.

Nell’Antico Testamento, la nube è segno della presenza divina la quale dimora sulla tenda del convegno (Es 40,35 ; Nm 9,18.22) o guida Israele in marcia nel deserto (Nm 10,36).  

La nube-Spirito, la Shekinah

Quando Isaia rilegge questi passi dell’Esodo e dei Numeri, trasferisce l’immagine della nube nello Spirito del Signore : « Lo spirito del Signore li guidava al riposo » (Is 63,14)

Questa identificazione dello Spirito di Dio e la nube sembra potersi dedurre anche da questo : « Lo spirito che aleggiava sulle acque » (Gen 1,2) che divenne in Gb 38,9 « la nube » sulla creazione.

Luca utilizza il simbolismo « nube / Spirito », sia nel racconto della trasfigurazione (Lc 9,34) sia nel racconto dell’annunciazione (Lc 1,35)

Ora, quando la nube coprì la tenda del convegno, la gloria del Signore, la sua Shekinah, riempiva la Dimora (Es 40,35). Maria, sulla quale scende lo Spirito, è luogo della presenza divina. I titoli di Gesù, « santo », « figlio di Dio », s’intendono nel senso forte.  

Spirito creatore

Lo Spirito ricrea un popolo

Nell’Antico Testamento, lo Spirito è all’opera nel ricreare il suo popolo reduce dall’esilio :

Is 32,15 ; Is 44,3 ; Ez 37,5-6. 9-10.14. Il ritorno degli esuli sarà una rinascita alla vita, quasi una risurrezione operata dallo Spirito del Signore, un ritorno materiale e spirituale, una conversione. E questo cambiamento è paragonato all’esodo dall’Egitto e alla stessa creazione del mondo, quella primordiale (Is 51,9-10)  

Lo Spirito creatore allegiava sulle acque

La genealogia di Gesù nel vangelo di Luca comincia con Adamo : Luca vuole presentare Gesù come il nuovo Adamo. In base a quel parallelismo, l’alto medio Evo ha visto in Maria la nuova creazione vergine, contrapposta a Gn 1,2 : come all’origine lo spirito di Yahwéh si posava sulla massa informe delle acque, per destare la varietà degli esseri che adornano il cosmo, così ora avvolge Maria per far germinare in lei l’umanità del Figlio di Dio.

La conseguenza della discesa dello Spirito su Maria è la germinazione di un Essere divino, la quale fu interpretata fin dall’antichità cristiana come una nuova creazione. E comunque Maria, lungi dall’essere una creatura inerte, è una persona libera, consapevole, aperta al dialogo col suo Dio, il Dio dell’Alleanza.  

L’umanità di Gesù

In questa nuova creazione Gesù Cristo è costituito Re (Lc 1, 32-33), e capostipite del popolo. Porta la salvezza, la liberazione dal peccato e dalla morte per mezzo di quel battessimo nello Spirito (Lc 3,16 cf. At 1,5). La casa di Giacobbe sulla quale Cristo è costituito Re comprende il popolo della nuova alleanza, è replica delle dodici tribù dell’antico Israele (Lc 22,20.30) ed abbraccia tutti i popoli (Lc 2,31 ; 3,6), Ebrei e Gentili (Lc 2,32).
 

Lo Spirito che scende sulla Vergine è lo Spirito creatore, Colui che fu all’opera nella creazione del mondo e nella rinascita dell’antico popolo di Dio. Adesso crea l’umanità di Cristo ; e Cristo, in virtù del medesimo Spirito, compirà la seconda creazione, che consiste nel rinnovamento escatologico del popolo di Dio, di cui egli è principio, Re e Signore.

——————————————————————————–

Bibliografia :

A. SERRA, E C’era la madre di Gesù, saggi di esegesi biblico-mariana (1978-1988), ed. Cens-Marianum.

Sintesi F. Breynaert. 

A.SERRA
Lc 1,26-38 : l’annunciazione a Maria
,

Vous pouvez laisser une réponse.

Laisser un commentaire

PUERI CANTORES SACRE' ... |
FIER D'ÊTRE CHRETIEN EN 2010 |
Annonce des évènements à ve... |
Unblog.fr | Créer un blog | Annuaire | Signaler un abus | Vie et Bible
| Free Life
| elmuslima31