Maria nella liturgia

 dal sito:

http://www.mariedenazareth.com/8193.0.html?L=4

Maria nella liturgia

La Vergine Maria, scelta da Dio, da tutta leternità, come Vaso di elezione per la realizzazione divina del mistero dellIncarnazione e della Redenzione del mondo nel Suo Figlio Gesù Cristo, nostro Salvatore, è anche Colei che, ai piedi della Croce, davanti allo smacco apparente della morte di Suo Figlio, non ha mai vacillato nella sua fede; è Lei che conforta gli Apostoli in questa Ora di dolore, che precede la Resurrezione.. Maria è anche Colei che andrà ad avvolgere, proteggere e assistere la nascita della Chiesa fin dai primi passi di questultima, dopo la dipartita di Gesù.

La Vergine è dunque presente in maniera costante nella celebrazione della liturgia: da un lato, perché creatura come noi, come noi Lei rende al Signore il culto che è dovuto solo a Dio; daltro lato perché Lei occupa uno spazio particolare e unico nella realizzazione dei due grandi misteri di salvezza dellumanità (lIncarnazione e la Redenzione) e, partendo da questo fatto, nella liturgia che celebra questi misteri della Fede. Oltre a questo, Maria, Madre del Verbo di Dio, occupa un posto centrale nella liturgia eucaristica perché, come ricorda santAgostino, la Carne di Gesù, è la Carne di Maria.

Maria non è il Dio del Tempio, Lei è il tempio di Dio

Intanto, se la Santa Vergine occupa un posto speciale nella liturgia della Chiesa, Lei non ne è la finalità: il culto dadorazione (di latria) è dovuto solo a Dio: solo Dio è loggetto primo e supremo della liturgia della Chiesa; quanto a Maria, lei riceve, da parte di tutti coloro che la pregano, un culto di venerazione (di dulia, o meglio di iperdulia, dato che la Vergine è più interceditrice di tutti i santi e gli angeli riuniti): Maria non è il Dio del Tempio, Lei è il tempio di Dio

Ciò non impedisce che, dopo le origini della Chiesa, e in tutte le nazioni del mondo, la liturgia celebri e onori la Madre di Dio, Colei che canta nel suo Magnificat: Dora in poi tutte le generazioni mi chiameranno beataUn posto d

onore nella liturgia

Sebbene Maria occupi un posto donore in tutte le liturgie della Chiesa (liturgia eucaristica, sacramentale, Uffico delle Ore, chiamato anche Ufficio Divino), questa considerazione è particolarmente sensibile nei riti della Chiesa dOriente, per esempio, dove la Vergine è al centro della celebrazione ortodossa, che la onora come Théotokos (Madre di Dio) lungo tutto lanno liturgico.

Nella Chiesa universale lanno liturgico è punteggiato da quattro feste mariali principali: lImmacolata Concezione; lAnnunciazione; la Madre di Dio; lAssunzione, oltre a numerose feste secondarie (almeno 16); senza contare le messe votive in onore della Vergine (nel solo Messale di rito latino Romano, il rito ufficiale della Chiesa Cattolica, se ne contano 46!). Ciò è sufficiente per dire qual’è il posto donore e la venerazione di cui la Vergine è fatta oggetto nella liturgia della Chiesa tanto dOriente come dOccidente, quali che siano le culture, e di generazione in generazione

Publié dans : Maria Vergine |le 12 juin, 2008 |Pas de Commentaires »

Vous pouvez laisser une réponse.

Laisser un commentaire

PUERI CANTORES SACRE' ... |
FIER D'ÊTRE CHRETIEN EN 2010 |
Annonce des évènements à ve... |
Unblog.fr | Annuaire | Signaler un abus | Vie et Bible
| Free Life
| elmuslima31