Arcivescovo Celli: i media cattolici, un aiuto per chi ha nostalgia di Dio

12/02/2008, dal sito:
http://www.zenit.org/article-13470?l=italian

 

 Arcivescovo Celli: i media cattolici, un aiuto per chi ha nostalgia di Dio 

 

Parla il Presidente del Pontificio Consiglio delle Comunicazioni Sociali 

 

MADRID, martedì, 12 febbraio 2008 (ZENIT.org).- Il Presidente del Pontificio Consiglio delle Comunicazioni Sociali, l’Arcivescovo Claudio Maria Celli, ha affermato che i media cattolici devono essere “una mano tesa a tanta gente che cerca e ha una profonda nostalgia di Dio”. 

Ciò che si vuole è “una Chiesa vicina, che non è chiamata a condannare, ma che sa amare questo mondo, così come lo amava Gesù. Che ha la capacità di ascoltare e di comprendere l’uomo”, ha aggiunto nel suo intervento all’Assemblea dei Delegati Diocesani dei Mezzi di Comunicazione Sociale, in svolgimento a Madrid. 

Riflettendo sul tema le “Sfide della Comunicazione Ecclesiale”, il Presidente del Pontificio Consiglio ha sottolineato che sono i vari contesti e le varie culture a richiedere “modalità diverse di presenza e di linguaggio” e ha affermato che “anche se la visibilità della Chiesa nei mezzi di comunicazione non garantisce che stia evangelizzando, un’assenza di visibilità è segno di carenza nell’evangelizzazione”. 

Per questo monsignor Celli ha dichiarato che è necessario sapere qual è l’immagine della Chiesa che la gente percepisce, visto che “questa percezione condiziona la missione che ci è affidata”. 

“Non tanto nelle nostre strutture o nei nostri doveri – osserva –, quanto nel modo in cui inculturiamo il messaggio del Vangelo affinché illumini le preoccupazioni più profonde delle persone”. 

Il Presidente del Pontificio Consiglio delle Comunicazioni Sociali ha riconosciuto che esiste una serie di difficoltà che la Chiesa deve porsi di fronte ai media: “rispetto al messaggio della fede si privilegia lo spettacolo; rispetto alla tradizione si privilegiano le novità; rispetto ai beni spirituali, i fenomeni tangibili; rispetto alla struttura ecclesiale, la democrazia liberale; rispetto al Magistero, si privilegiano i dissidenti; rispetto alla complessità teologica, la banalità della comunicazione”. 

In questo contesto, monsignor Celli ha affermato che i problemi della presenza della Chiesa nei media sono diversi, dipendendo dagli elementi culturali, e ha spiegato che il ruolo di una radio cattolica in Spagna non è lo stesso che in America Latina o in Africa. 

Nel corso del suo intervento, il presule ha anche alluso al Messaggio del Papa per la Giornata Mondiale delle Comunicazioni Sociali e ha spiegato che “colloca i comunicatori di fronte alla necessità di prendere decisioni” e diventare “servitori di una società libera democratica e partecipativa”. 

Monsignor Celli ha concluso esprimendo il suo apprezzamento nei confronti delle persone che lavorano nei mezzi di comunicazioni, che “non sempre sono valorizzate nel loro sforzo di servizio alla verità”. 

 

Publié dans : dalla Chiesa, ZENITH |le 12 février, 2008 |Pas de Commentaires »

Vous pouvez laisser une réponse.

Laisser un commentaire