Entrare nella vera pace del sabato

Elredo di Rievaulx ( 1110-1167), monaco cistercense inglese
Specchio della carità, III, 3-6

Entrare nella vera pace del sabato

Quando l’uomo, strappandosi al vocio esterno, si è raccolto nel segreto del suo cuore, quando ha chiuso la sua porta alla folla rumorosa delle vanità… quando non c’è più nulla in lui di agitato né di disordinato, nulla che lo tormenta, nulla che lo tortura…, questa è la celebrazione allegra del primo sabato. Ma uno può lasciare questa stanza intima per raggiungere la dimora del suo cuore…, per entrare cioè nel riposo gioioso e pacifico della dolcezza dell’amore fraterno. Questo è un secondo sabato, quello della carità fraterna…

Una volta purificata in queste due forme di amore [di sé stesso e del prossimo], l’anima aspira tanto più ardentemente alle gioie dell’abbraccio divino e questo la rende più sicura. Bruciando da un desiderio estremo, passa al di là del velo della carne e, entrando nel santuario (Eb 10,20) dove Cristo Gesù è spirito davanti al suo volto, viene totalmente assorbita in una luce indicibile ed in una dolcezza insolita. Avendo fatto silenzio rispetto a tutto ciò che è corporale, sensibile, mutevole, essa fissa con uno sguardo penetrante Colui che È, Colui che è sempre tale, identico a se stesso, Colui che è Uno. Libera per vedere che il Signore stesso è Dio (Sal 45,11), essa celebra senza alcun dubbio il sabato dei sabati nei dolci abbracci della Carità in persona.

Publié dans : Bibbia: commenti alla Scrittura |le 10 septembre, 2007 |Pas de Commentaires »

Vous pouvez laisser une réponse.

Laisser un commentaire

PUERI CANTORES SACRE' ... |
FIER D'ÊTRE CHRETIEN EN 2010 |
Annonce des évènements à ve... |
Unblog.fr | Créer un blog | Annuaire | Signaler un abus | Vie et Bible
| Free Life
| elmuslima31