« Io sono venuto perché abbiano la vita e l’abbiano in abbondanza »

dal sito EAQ:

Clemente d’Alessandria (150-circa 215), teologo
Il Pedagogo, 9,83s ; SC 70, p. 258

« Io sono venuto perché abbiano la vita e l’abbiano in abbondanza »

Noi che siamo ammalati, abbiamo bisogno del Salvatore; smarriti, abbiamo bisogno della sua guida; ciechi, di lui che ci porti alla luce; assetati abbiamo bisogno della fonte di vita; morti, abbiamo bisogno della vita; pecore del pastore; bambini, del pedagogo; insomma, tutta la nostra natura umana ha bisogno di Gesù…

Se si vuole, si può apprendere la somma sapienza che c’insegna il santissimo pastore e maestro, l’onnipotente Verbo del Padre, quando servendosi dell’allegoria si proclama pastore delle pecore. E anche pedagogo dei bambini; infatti, rivolgendosi ai pastori d’Israele, descrive la sua giusta e salutare sollecitudine per bocca di Ezechiele: « Fascerò la pecora ferita, curerò quella malata, ricondurrò all’ovile quella smarrita e le pascerò sul mio monte santo » (Ez 34,16)… Sì, o Signore, nùtrici coi pascoli della tua giustizia. O maestro, pasci le tue pecore sul tuo santo monte: La Chiesa, che sta in alto, supera le nubi, tocca i cieli. « Sarò loro pastore, dice, e sarò in mezzo a loro » (Ez 34,24). Egli vuole salvare la mia carne rivestendomi della tunica dell’incorruzione… « Prima che mi invochino, io risponderò » (Is 58,9)…

Tale è il nostro Pedagogo, davvero buono. « Non sono venuto, dice, per essere servito, ma per servire » (Mt 20,28). Perciò nel vangelo è detto che era « stanco » (Gv 4,5) colui che si è affaticato per noi, promettendo anche di « dare la propria vita in riscatto per molti » (Mc 10,45). Dimostra così di essere lui solo il buon pastore. Generoso e magnifico è colui che giunge al punto di dare la sua vita per noi. Veramente a servizio degli uomini e pieno di bontà, egli che, potendo essere il Signore dell’uomo, volle essere suo fratello. Buono fino al punto di morire per noi!

Publié dans : Bibbia: commenti alla Scrittura |le 30 avril, 2007 |Pas de Commentaires »

Vous pouvez laisser une réponse.

Laisser un commentaire